I Forti di Genova

Come la Cina ha la sua muraglia, anche Genova ne ha una. La più lunga muraglia in Europa, eretta in difesa di una città, è proprio a Genova. Si sviluppa per una lunghezza di 19 km e attualmente ne è presente circa la metà.

Le mura sono state realizzate nel 1600 a difesa e controllo della città sottostante. La cinta passa sui crinali dei monti che circondano Genova e formano una specie di pentagono come punto più alto a nord in corrispondenza del Forte Diamante.

La continuità delle mura si interrompe con numerose fortificazioni, che si spargono sulle alture a diversa altitudine da est a ovest, seguendo la linea dei crinali dei monti.

Il più particolare e raggiungibile è il Forte Sperone, raggiungibile sia a piedi che in auto o con la funicolare che collega dal centro città, da largo Zecca. Un collegamento ferrato che percorre 280 m di dislivello per una distanza di un km e mezzo. La fermata dell’arrivo è nei pressi dell’Osservatorio astronomico e in quel punto inizia il Parco delle Mura, che contiene gran parte dei Forti cittadini.

Il Forte Sperone affacciato sulla Val Bisagno è attualmente in stato di abbandono come il resto degli edifici storici militari, solo alcuni sono utilizzati come sede di forze militari, caserme o simili.

L’aspetto però è sempre affascinante, le mura si alzano dal terreno scosceso e formano terrazzamenti e bastioni, dalla quale è possibile scorgersi e guardare il panorama circostante.

Questi luoghi però sono stati scenario di aspre battaglie, sono stati utilizzati come ospedali, carceri o luogo di esecuzioni, quindi immaginarli all’epoca di costruzione fa un certo effetto.

Altre fortificazioni visitabili sono il Forte Begato (poco distante dallo Sperone), Forte Puin, Fratello Minore e Diamante.

Questo è un percorso chiamato “la via dei Forti” che attrae molti turisti, genovesi e appassionati sia di trekking che di architettura militare.

Un altro percorso che presenta comodamente queste strutture è la linea ferroviaria Genova-Casella, un piccolo percorso ferrato lungo solo 24 km, con tredici gallerie che corre a mezzacosta nella Val Bisagno e raggiunge la Valle Scrivia.

Da ogni zona della città guardando in alto verso i monti si scorge un Forte o parte di bastione, pare quasi di essere tenuti sotto controllo. In effetti era anche questo l’utilizzo delle fortificazioni, controllare, in un periodo nella quale le sommosse cittadine erano frequenti, che all’interno delle mura tutto filasse liscio e tranquillo.

La visita è consigliata e in una giornata primaverile o autunnale ne vale davvero la pena, si possono ammirare panorami dall’alto di tutta Genova e dintorni con il mare di sfondo. Non è necessario essere esperti camminatori, il percorso non è faticoso, è adatto per adulti ma anche per famiglie con bambini e si può decidere se visitare un solo forte o se fare un percorso più completo e panoramico.

La massima altitudine raggiunta dal percorso è di 667 m slm, dove è collocato il Forte Diamante, il più a nord di tutti i presenti e quello dalla quale è possibile vedere a 360° l’arco della catena appenninica Ligure e il mare.

Video Promozionale

https://youtu.be/a2Gk3jlNXlY

PERIODO CONSIGLIATO PER VISITARE I FORTI DI GENOVA

Si consiglia di evitare di visitare i forti sia in inverno inoltrato che in estate inoltrata. Il percorso non è difficile, ma è estremamente esposto ai venti e completamente privo di acqua potabile.

COLLEGAMENTI

La via dei Forti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *